Scopri l'origine di #effettosolaris!


A metà tra tradizione e innovazione si colloca questo vitigno bianco PIWI, acronimo del tedesco PilzWiderstandfähig che indica le varietà resistenti alle malattie fungine. I vitigni PIWI hanno origine già a inizio Novecento, quando l’esigenza di far fronte a Fillossera, Peronospora e Oidio accidentalmente importate dall’America dà vita alle prime sperimentazioni. La coltivazione di questi vitigni, il cui carattere di resistenza è frutto di 50-100 anni di incroci e selezioni, ha di recente preso piede nel panorama nazionale. Ben accolti dall’orientamento comunitario, sarebbero infatti in grado di rispondere efficacemente alle mutate condizioni climatiche, agli effetti della viticoltura stanziale e all’invecchiamento genetico di vitigni e portainnesti. Dall’altra parte, la loro resistenza alle principali malattie della vigna giustificherebbe una drastica riduzione dei trattamenti, che si traduce in risparmio d’acqua e di denaro, rispetto per la natura e salubrità del prodotto finale.
La varietà Solaris in particolare nasce nel 1975 all’Istituto di Friburgo in Brisgovia (Germania) e dal 2013 è iscritto al Registro nazionale delle varietà di vite idonee alla produzione di vino. Si tratta di un incrocio Merzling x Geisenheim 6493, a loro volta vitigni ibridi ottenuti da molteplici incroci di Pinot grigio, Riesling, V. vinifera, V. rupestris, V. lincecumii e V. amurensis. Le uve di questo vitigno a bacca bianca presentano un elevato grado zuccherino, in grado di dar vita a vini fruttati dal gusto armonico, caldo e di buona struttura.

Di più sui vitigni PIWI...


Fin dall’antichità, la vite veniva propagata in maniera elementare e non necessitava di particolari trattamenti: potatura invernale e una buona concimazione erano più che sufficienti. A cambiare la situazione nell’Ottocento è l’arrivo di tre parassiti provenienti dal Nuovo Continente, nello specifico Oidio, Fillossera e Peronospora. La loro comparsa si attribuisce alla riduzione dei tempi di navigazione resa possibile dal battello a vapore, che favorì la sopravvivenza a bordo delle entità patogene che in America convivevano serenamente con la vite da migliaia di anni. La successiva importazione di uva americana Isabella e Fragola resistente alle malattie, atta a contrastare la nascente crisi viticola, non fece che peggiorare la situazione. Nel giro di 20 anni la superficie colpita dalla fillossera arrivò ad 1 milione di ettari, pari a un quarto della superficie viticola totale italiana: molti contadini abbandonarono la campagna per emigrare in città o continuare la professione viticola in America e Australia. Il problema della fillossera ha trovato poi una soluzione innestando le varietà di vite europea su portinnesto di vite americana, resistente alle forme radicicole della malattia. Nasce inoltre la cosiddetta “poltiglia bordolese” nell’ultimo ventennio dell’Ottocento e, negli anni successivi, i prodotti fitosanitari di sintesi chimica.

Una strada alternativa ed ecologica aperta agli inizi del Novecento è quella dei vitigni PIWI, detti anche super-bio, i quali nascono da complessi piani di incrocio interspecifici e intraspecifici atti ad ottenere un intrinseco carattere di resistenza della pianta alle principali crittogame. Si procede recidendo le antere (sacche contenenti i pollini maschili) della pianta madre, in fase di fioritura, e spennellando poi sulla parte femminile il polline della pianta scelta per l’incrocio; in questo modo si ottengono i frutti da cui si andranno a prelevare e piantare i semi del nuovo vitigno, che necessiterà di ulteriori 25-30 anni di test prima di poter essere distribuito ai viticoltori. In condizioni ottimali, con piovosità inferiori a 1000mm annui, questi vitigni resistenti non hanno bisogno di alcun trattamento; ad ogni modo l’uso di fitofarmaci è ridotto ad un massimo di tre trattamenti biologici con rame o zolfo. La qualità dei vini oggi ottenuti con questo programma è del tutto comparabile con le altre varietà europee, ma i benefici economici e ambientali sono impareggiabili. Permangono tuttavia difficoltà normative (la legislazione europea non consente l’impiego delle varietà resistenti nella produzione di vini a denominazione D.O. e molte regioni non hanno ancora autorizzato la loro coltivazione) e sfide di natura compositiva (i contenuti di antociani diglucosidici non compatibili con la normativa europea per la varietà a bacca rossa e per quelle bianche il controllo dell’acidità negli ambienti caldi centro-meridionali). Attualmente la coltivazione dei vitigni resistenti è idonea in Trentino Alto Adige, Lombardia, Friuli Venezia Giulia e Veneto, regioni nelle quali alcune varietà sono state iscritte nell’ albo regionale.

Fonte: Riccardo Camerin, “Vitigni resistenti/tolleranti – La rivoluzione vitivinicola”, tesi di laurea in Viticoltura ed Enologia presso Università degli Studi di Udine